Verbale assemblea del 21 dicembre 2013 a Mezzomerico

 

Presenti: Mary e Fabio di Oleggio, Nadia di Pombia , Mirco e Nicoletta di Marano, Marco di Mezzomerico, Alessandro A. di Oleggio, Agostino di Oleggio, Sandro di Oleggio , Graziae e Antonio di Castelletto T., Anna G. di Oleggio, Angela di Oleggio, Davide e compagna di Oleggio , Sonia e Simone di Bellinzago, Daniele di Agrate, Fabio Z.di Novara, Mauro di Arona, Stefano di Oleggio, Eleonora e Leonardo di Barengo, Lucia di Mezzomerico.

  • Presentazione di Nadia, di “ritorno” al GASBIO dopo altre esperienze nell’associazionismo

 

  • Campagna dei Bilanci di Giustizia: Mirco fa una breve presentazione dei temi trattati nell’incontro nazionale tenutosi a Revò dintorni di Verona. Ci si sofferma in particolare sui temi del bilancio, della segreteria, sulla forma organizzativa, sui finanziamenti e la dipendenza dai contributi statali ed in particolar modo su chi siamo all’interno dei bilanci, chi vorremmo essere e come diventare una “scuola” capace di dare stimoli sia all’interno che all’esterno.

Si apre la discussione sul tema con molti interventi.

Agostino sulla eccessiva spiritualità di un precedente incontro a cui ha partecipato di persona a cui hanno seguito repliche, Mary sulla necessità di cambiare il punto di vista con cui si approcciano i “temi bilancisti”, Marco sulla difficoltà di portare chi è lontano dai temi di “giustizia” a comprenderne almeno in parte il valore, Sonia sull’importanza dell’autocoscienza della realtà che si vive ogni giorno e come cambiarla e trasmetterla alle nuove generazioni, Anna sulla necessità di condividere con le altre realtà dell’associazionismo locale ogni iniziativa già dalla fase organizzativa e non solo per comunicare un evento già definito, Daniele sull’importanza di ogni piccolo passo e di ogni iniziativa necessaria a modificare la propria consapevolezza della necessità di cambiamento, Fabio sull’importanza di portare all’esterno esperienze e consapevolezze al fine di creare delle relazioni, così da poter essere “scuola” come discusso nell’incontro nazionale e quindi l’importanza di coinvolgere istituzioni e realtà della formazione per diffondere le conoscenze acquisite. Sempre Fabio sottolinea la bontà dell’esperienza degli adolescenti di “Fuori rotta”. Mirco cita la propria esperienza al Comune di Corsico, e una nuova prospettiva nel dare sostegno alle famiglie disagiate e afflitte da problemi riguardanti il gioco patologico, un’esperienza che insegna come è possibile con passi piccoli e graduali entrare in contatto con realtà anche molto distanti da chi condivide e vive i valori dei bilanci di giustizia. Mary ed Anna concordano nel sottolineare come pochi neo associati partecipino fattivamente alle discussioni sui Bilanci di Giustizia, e che la distanza tra acquisto e bilanci si stia facendo sempre maggiore invece di viaggiare su binari paralleli. Da valutare quindi la creazione di un gruppo più ristretto che si impegni ad arrivare ad applicazioni più concrete. In questa discussione si inserisce l’intervento precedente di Lucia che citando il caso del Comune di Mezzomerico e del suo rinnovato impegno per il miglioramento della raccolta differenziata, propone di organizzare in concreto un qualche tipo di evento per poter così grazie al tema della differenziata e la sua comunicazione attirare interesse verso i temi bilancisti da parte di chi difficilmente si potrebbe altrimenti raggiungere.

Al termine della discussione si concorda per un contributo di gruppo di 500€ e di lasciare la possibilità a ciascuno di contribuire personalmente in aggiunta alla cifra proposta.

Non emergono candidature per la partecipazione alla segreteria nazionale e nemmeno nominativi per partecipare all’incontro del 26/1in aggiunta a Mirco.

 

  • Si discute brevemente della filiera del pesce. Si decide per un acquisto di prova presso AQUA curato da Daniele, con consegna all’esterno del casello di Borgomanero. Alessandro A. comunica la possibilità di rivolgersi anche ad una cooperativa attiva ogni mattina a Solcio di Lesa che vende pesce fresco pescato nel Lago.

 

  • Filiera del Pane. Si comunica che per la fase di Produzione, ventolatura e molitura sono già attivi gli attori coinvolti e che manca solo la parte relativa alla panificazione. Fabio indica l’importanza di definire il protocolla d’intesa tra gas, Bionovara e panificatore per dare valenza definitiva al progetto della filiera corta territoriale all’interno del gruppo d’acquisto e solo in seguito valutare l’apertura ad altri GAS che si sono già dimostrati interessati. Mirco sottolinea come sia importante che la buona riuscita del progetto divenga un momento pubblico da comunicare con attenzione.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...