riunione di Aprile

Purtroppo siamo numericamente pochi (vuoi altri impegni, vuoi la bella giornata…).
Presenti: Fabio e Mary di Oleggio, Mirco di Marano, Agostino di Oleggio, Maria Grazia di Castelletto, Daniele di Agrate e Sonia di Bellinzago.
Si è fatto il punto sui tesseramenti.
Per quanto riguarda la filiera del pane è stato distribuito questo sabato il primo pane fatto interamente con la filiera locale. Restano alcuni aspetti tecnici da affrontare per cui si propone un incontro presso la sede del laboratorio di “Nonna fiordaliso” con gli attori della filiera.
A seguito della richiesta di mandorle è emersa la necessità di trovare un nuovo referente dopo la rinuncia da parte di Caterina C. Faccio dunque appello alla vostra buona volontà: chi tra di voi, soprattutto tra chi non è ancora referente, ha voglia di prendersi l’incarico?
Come ogni anno si avvicina il periodo della gita da Enio per rifornirci di vino. E’ stata proposta la data dell’11 maggio. Enio sarà anche presente alla festa del primo maggio ad Oleggio.
Una volta pervenuta la disponibilità da parte dei candidati sindaci per il comune di Oleggio, sarà organizzato un incontro in cui gli verrà posto un questionario su tematiche da noi ritenute importanti. Si individua una persona adatta (che sia neutrale) all’intervista.
Eccoci all’ordine del giorno “dell’ultima ora”: l’utilizzo della stazione per le nostre attività. 
Domenica scorsa Simone F ed Aleandro, Fabio, Mirco, Agostino hanno fatto una biciclettata alla scoperta delle stazioni dismesse a noi più vicine (Bellinzago, Marano, Pombia, Varallo Pombia, Varallo Pombia porto).
Per poter usufruire di questa possibilità è necessario presentare un progetto a Legambiente. Un comitato si occuperà di valutare le proposte pervenute. 
A tal proposito sono emerse tante idee belle ed interessanti. Eccone alcune:
la prima è, ovviamente, farne la sede del gruppo di acquisto (incontri, distribuzione prodotti, scambio e baratto, laboratori di autoproduzione),
ma non mancano possibilità di apertura verso il pubblico come centro di promozione della sostenibilità. 
Mobilità sostenibile (che ne dite di una ciclofficina, o, addirittura, di un B&Bike?)
Incontri sulla filiera corta e nuovi stili di vita.
Turismo sostenibile in collaborazione col Parco del Ticino.
Inserimento di soggetti svantaggiati (collaborazione con i ragazzi del Cisas).
Le possibilità sono tante, ovviamente bisogna verificarne la fattibilità e stilare un progetto da presentare poi a Legambiente, attraverso la delegazione di Galliate che si è resa disponibile a tal scopo. Mirco per il progetto stazioni metterà a disposizione un file per la scrittura condivisa di modo che tutti possano dare il proprio contributo.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...